LA STORIA

Nel 1976, l’America celebrava il bicentenario della separazione dalla Gran Bretagna e di 200 anni come nazione libera e indipendente. A Philadelphia, circa 4000 membri della Legione americana dello stato della Pennsylvania, un’organizzazione di veterani militari della seconda guerra mondiale, si riunirono con i loro amici e famiglie per partecipare alla 58a convention annuale della Legione.
Dal 21 al 24 luglio, più di 600 legionari erano alloggiati al Bellevue-Stratford Hotel, considerato uno dei migliori alloggi della città e un
importante centro congressi. Ma, ironia della sorte, invece della commemorazione di una grande gioia e fratellanza, l’evento sarebbe stato ricordato come una delle peggiori tragedie mediche del 20 ° secolo.

Il giorno dopo l’inizio della convention, alcuni legionari iniziarono ad ammalarsi di sintomi simili alla polmonite: febbre alta, tosse, dolori al petto e difficoltà respiratorie. Il 27 luglio, un veterano dell’Air Force che aveva partecipato alla convention morì in un ospedale di Sayre, Pennsylvania, a poche miglia a sud del confine dello Stato di New York. Quando l’epidemia finì a metà agosto, 221 individui avevano contratto la malattia ancora sconosciuta e 34 di loro erano morti.
Poiché gli studi epidemiologici condotti da 20 detective medici dei Centri statunitensi per il controllo delle malattie (CDC), non erano stati in grado di determinare rapidamente la causa dell’epidemia, la speculazione si scatenò. Alcuni pensavano che l’epidemia fosse causata da terroristi attraverso mezzi chimici o microbiologici; altri, che si trattava di un esperimento della CIA andato male; altri ancora hanno suggerito che l’intera faccenda fosse una bufala, progettata per favorire il sostegno alle vaccinazioni contro l’influenza suina. Un tossicologo di Filadelfia pensava che l’epidemia fosse dovuta all’avvelenamento da carbonile di nichel. Altre speculazioni includevano fumi tossici da macchine fotocopiatrici e persino un attacco da parte di forze extraterrestri.

Dopo aver escluso tutti i tipi di malattie mediche, gli investigatori hanno scoperto che le vittime che erano semplicemente nello stesso albergo. L’indagine sulla fonte ha richiesto un’enorme quantità di tempo e, dopo sei mesi, i batteri della legionella sono stati scoperti dal CDC.
Non fu fino al dicembre del 1976 che il Dr. Joseph McDade, uno scienziato di laboratorio del CDC, usando la tecnica dell’inoculazione di cavia, fu in grado di isolare il batterio che causava la malattia e identificarlo come Legionella pneumophila. Nell’aprile del 1977, il termine “malattia del legionario” fu pubblicato per la prima volta dal CDC come nome ufficiale della malattia epidemica. Il Bellevue-Stratford Hotel è stato costretto a chiudere definitivamente.

La dose di Legionella necessaria per l’infezione è sconosciuta, ma si può presumere che la dose infettiva per gli esseri umani sensibili sia bassa, poiché i pazienti sono noti per essere infetti dopo esposizione di pochi minuti alle fonti di alcuni focolai e fino a 3,2 km dalla fonte di altri.
L’infezione dipende dal livello di contaminazione dell’acqua da parte dei batteri, dall’efficacia della formazione e dalla diffusione dei batteri attraverso l’aria, dai fattori ospiti e dalla virulenza del particolare ceppo di Legionella.
Sintomi
La legionellosi è un termine generico che descrive le forme pneumoniche e non pneumoniche dell’infezione da Legionella.
La forma non polmonare è una malattia acuta, autolimitante simile all’influenza, che di solito dura 2-5 giorni. Il periodo di incubazione va da poche ore a 48 ore. I sintomi principali sono febbre, brividi, mal di testa, malessere e dolori muscolari (mialgia). Nessun decesso è associato a questo tipo di infezione.
La forma pneumonica, malattia del legionario, ha un periodo di incubazione da 2 a 10 giorni (ma in alcuni recenti focolai ben documentati sono stati registrati fino a 16 giorni). Inizialmente, i sintomi sono febbre, perdita di appetito, mal di testa, malessere e letargia. Alcuni pazienti possono anche avere dolori muscolari, diarrea e confusione. Di solito c’è anche una lieve tosse iniziale, ma ben il 50% dei pazienti può presentare catarro. Flemage striato di sangue o emottisi si verifica in circa un terzo dei pazienti. La gravità della malattia va da una leggera tosse a una polmonite rapidamente fatale. La morte avviene per polmonite progressiva con insufficienza respiratoria e / o shock e insufficienza multiorgano.
La malattia dei legionari non trattata di solito peggiora durante la prima settimana. In comune con altri fattori di rischio che causano grave polmonite, le complicanze più frequenti della legionellosi sono insufficienza respiratoria, shock e insufficienza renale acuta e multiorgano. Il recupero richiede sempre un trattamento antibiotico e di solito è completo, dopo diverse settimane o mesi.
Tasso di mortalità
TIl tasso di mortalità dovuto alla legionella dipende da: gravità della malattia, appropriatezza del trattamento antimicrobico iniziale, contesto in cui è stata acquisita la legionella e fattori ospite (cioè la malattia è solitamente più grave nei pazienti con immuno- soppressione).
Il tasso di mortalità del caso può raggiungere il 40% -80% nei pazienti immunodepressi non trattati e può essere ridotto al 5% -30% attraverso un’appropriata gestione dei casi e in base alla gravità dei segni e dei sintomi clinici. Per le persone in grado di sviluppare una risposta immunitaria, il tasso di mortalità è solitamente compreso tra il 10% e il 15%.
La causa
Gli agenti causali, le legionelle, sono batteri di acqua dolce che si trovano in ambienti acquatici in tutto il mondo, ma i sistemi di acqua artificiale a volte forniscono ambienti favorevoli alla crescita dei batteri della legionella. Questi batteri sopravvivono all’interno o tra le cellule come parassiti di protozoi viventi e all’interno di biofilm che si sviluppano nei sistemi idrici in cui i batteri sopravvivono.
Possono causare infezioni umane infettando altre cellule umane utilizzando un meccanismo simile a quello usato per infettare i protozoi. Legionella. La pneumophila è la specie più frequentemente isolata da pazienti con legionellosi associata alla comunità, associata al viaggio o in ospedale.

DOVE SI TROVA

Il genere Legionella comprende bacilli Gram Negativi, generalmente idrofili, che colonizzano gli ambienti acquatici naturali (lago, fiume, sorgenti, zone umide in generale) e artificiali (reti idriche di strutture quali piscine, alberghi, ospedali, case, fontane, ecc. )
La legionella preferisce gli habitat con acqua calda (preferibilmente tra 25 ° e 42 ° C ma è in grado di sopravvivere in un intervallo di temperatura compreso tra 6 ° e 63 ° C.
Nei sistemi idrici, la legionella può essere in forma libera, all’interno di protozoi ciliati (Tetrahymena) e maebe o ancorati al biofilm (un film di microrganismi immersi in una matrice organica creata nelle reti idriche soprattutto dopo il ridotto flusso d’acqua o lunghi periodi di inattività.
I protozoi e il biofilm rappresentano una fonte di nutrimento e protezione da condizioni ambientali sfavorevoli (temperature, biociti, ecc.)

La formazione di comunità sessili stabili è dovuta all’attività del sistema di regolazione del “quorum sensing” (QS), un sistema di comunicazione tra
batteri in grado di rispondere all’aumento della densità di popolazione.

QS regola la produzione di Acid Shock (ASP) o Heat Shock Protein (HSP) che consente ai microrganismi di contrastare e / o riparare il danno causato da stress dovuto a agenti chimici acidi o alla temperatura.

La forma più comune di trasmissione della Legionella è l’inalazione di aerosol contaminati. Le fonti di aerosol che sono state collegate alla trasmissione della Legionella comprendono torri di raffreddamento dell’aria condizionata, sistemi di acqua calda e fredda, umidificatori e vasche idromassaggio. L’infezione può anche verificarsi per aspirazione di acqua o ghiaccio contaminati, in particolare nei pazienti ricoverati in ospedale, e per esposizione di bambini durante i parti in acqua. Non c’è trasmissione diretta da uomo a uomo.